Stop ai dolori del ciclo: cosa mangiare e cosa evitare dal giorno 1 al giorno 28

Aggiornamento: apr 22


Il ciclo mestruale può essere per alcune donne un vero e proprio incubo. Dolori, indolenzimento muscolare e generale malessere. Disturbi che tuttavia possiamo alleviare ponendo maggiore attenzione a cosa mangiamo e sfruttando le proprietà degli alimenti.

Il primo consiglio è limitare l’assunzione di zuccheri semplici perché il loro rapido assorbimento determinerà un picco di glicemia e di conseguenza il pancreas libererà un grande quantità di insulina per far fronte all'eccesso di glucosio. L’insulina immessa in circolo in grande quantità finirà per determinare un brusco calo glicemico con aumento del senso di fame. Inoltre l'insulina ha effetti infiammatori e potrebbe peggiorare il dolore.

- Cibi sì: cioccolato extrafondente, avocado, frutti di bosco, frutta secca, pane tostato con olio extravergine, olive, pinzimonio di finocchi, indivia belga e cetrioli.

- Cibi no: grassi animali e margarina, bevande eccitanti (caffè, bibite con caffeina, teina, guaranà o ginseng), dolci, frutta ad alto contenuto di zuccheri.

Immediatamente prima e durante i giorni del flusso, è bene evitare anche il consumo di formaggi stagionati.

Attenzione anche al consumo di carne rossa: è consigliabile dopo l’inizio del flusso, ma non bisogna abusarne. Questo perché contiene ferro che, se in eccesso, può acuire la sintomatologia dolorosa e gli spasmi addominali. Dal nono al ventiduesimo giorno ridurne gradualmente quantità e frequenza.

VEDIAMO INSIEME COSA MANGIARE

DAL GIORNO 1 AL GIORNO 9 Pane e prosciutto crudo, pasta al pomodoro, pasta con zucchine, ragù alla bolognese, polenta e salsiccia, patate fritte/lesse/al forno, frittata, ricotta, polpette al sugo, alici, sogliola, pesce lesso, vitello, tacchino, maiale, carciofi, fagiolini, indivia, radicchio, zucchine, fave, lenticchie, kiwi, frutti di bosco, mela, pera.

DAL GIORNO 9 AL GIORNO 16 Pane e formaggio, pasta e patate, sugo al pomodoro, pesto di rucola o genovese, purè di patate, polenta, insalata di riso, frittata di patate, baccalà, tonno, calamari, vongole, salmone, carciofo, cavolfiore, cicoria, cipolla, finocchio, indivia, zucchina cruda, vitello, maiale, tacchino (consumare carne in quantità e frequenza minori), orzo, ceci, clementine, banana, mela, noci.

DAL GIORNO 16 AL GIORNO 22 Pane e marmellata, pasta all'arrabbiata, con ceci, con vongole, con broccoli, patate lesse/al forno, polenta, riso con fave, frittata di carciofi, omelette ai funghi, maiale, vitello, tacchino (ridurre al minimo il consumo di carne), baccalà, sogliola, tonno, totani, calamari, broccoli, carciofi, cavolfiore, finocchio, indivia, peperone, verza, ceci, fagioli, ananas, arancia, clementine, kiwi.

DAL GIORNO 22 AL GIORNO 28 Pasta aglio e olio, all'arrabbiata, pomodoro e basilico, patate al forno/fritte/lesse, polenta. riso con fagioli, con fave, con zucchine, frittata, vitello, maiale, tacchino, pesce lesso, sogliola in padella (ridurre al minimo il consumo di pesce), agretti, carciofo, cicoria, finocchio, cipolla, indivia, insalata mista, scarola, radicchio, zucchine, frutti di bosco, mandarini, mela, pesca bianca, noci. Cosa fare, invece, se il ciclo tarda ad arrivare? Se si manifestano i sintomi tipici (gonfiore, gambe pesanti) si possono consumare prodotti ittici, ricchi di iodio che stimola il metabolismo. Fino alla comparsa delle mestruazioni, è meglio scegliere cibi poco grassi come le orate, le spigole, le sogliole, i calamari, le alici. Lo schema alimentare sopraindicato è fornito a titolo di esempio, ma si ricorda che una soluzione nutrizionale è efficace se personalizzata, quindi formulata sul singolo individuo e sulla sua condizione metabolica, stato di salute ed esigenza nutrizionale. Inoltre, ogni alimento sopraindicato è sconsigliato in caso di allergia o intolleranza specifica e patologie che ne vietino l’assunzione. E' importante tenere a mente che nessuna informazione, per quanto accurata, può sostituire il rapporto medico–paziente. #ciclomestruale #dolorimestruali #dietadelciclo